Redi CasarsaL’arte è fatta da mille sfaccettature, qualsiasi sia la corrente artistica seguita viene utilizzata per comunicare, raccontare ed emozionare. Chi ha il dono, imprime sulle tele giochi di colore, immagini e racconti che vengono apprezzati tanto nelle gallerie d’arte quanto utilizzati per decorare ed abbellire case, alberghi, ristoranti o locali. Gli appassionati d’arte che ci stanno leggendo devono assolutamente conoscere la storia e la produzione di Redi Casarsa, un artista con più di sessant’anni di esperienza che ha collezionato oltre centinaia di mostre tra personali e collettive.

Chi è Redi Casarsa: la bio dell’artista

Redi Casarsa, artista di arte contemporanea con centinaia di esposizioni tra collettive e personali, prende ispirazione dai viaggi e da ciò che vede per dipingere, mostrando soprattutto le evoluzioni della luce. Gli studi pittorici sono quelli che portano a valorizzare un luogo, un corpo o un soggetto grazie all’ausilio della luce. I suoi quadri sono la rappresentazione del mondo ai suoi occhi, spesso con un occhio di riguardo ai paesaggi nordici, provenzali, mediterranei e africani.

Impegnato nell’arte fin da giovane, ha un percorso artistico importante alle sue spalle. Nato nel ‘42 in provincia di Udine e figlio d’arte di un pittore e decoratore, è cresciuto circondato dalla pittura. Fin da piccolo ha mostrato un forte interesse per il disegno e la passione per l’arte è cresciuta grazie alla frequentazione della scuola specifica Giovanni Da Udine. Terminati gli studi si forma grazie al Maestro Dino Basaldella.

Il suo talento inizia ad emergere alla fine degli anni ’50. Nel ’61, compiuti da poco i 19 anni riesce a conquistare il premio di un concorso internazionale di grafica per l’industria vetraria belga.

Dopo questo importante titolo raggiunto, ha mosso i primi passi in esperienze rilevanti distinguendosi ad esempio nel ’67 conquistando il primo posto nel concorso italiano Ex Tempore di Rigolato. Continua ad amare il disegno e in modo particolare la luce; i giochi di luce ed ombre restano i protagonisti indiscussi dello stile sia in bianco e nero che a colori. Dagli anni ’70 in poi l’artista decide di dare estro alla propria creatività e ha lasciato che i colori prendessero il sopravvento lasciando che la libertà espressiva facesse il resto. La luce continua ad essere protagonista ma lo diventa in soggetti legati a paesaggi, spesso legati ai viaggi fatti dal creativo.

Lo stile di Redi Casarsa

Come accennato, l’artista ha avuto un percorso di crescita. Appassionato e amante dell’arte fin da bambino, ha studiato disegno e soprattutto la luce che diventa protagonista delle sue opere. Oltre a ciò però, notiamo come siano i paesaggi i soggetti prediletti. La pittura di Redi Casarsa crea un forte legame tra ciò che vede e ciò che arriva sulla tela; quasi con un approccio “fotografico”. Quadri di diverso tipo fanno parte del suo atelier e ovviamente molte opere vengono anche esposte in mostre sia pubbliche che private. Molte delle sue creazioni hanno fatto il giro del mondo arrivando in Australia, Austria, Belgio, Francia, Regno Unito, Svizzera e persino Stati Uniti d’America.

I soggetti tra i più amati? Sicuramente i campi di lavanda ma anche i paesaggi marittimi e gli scorci più suggestivi che lo hanno colpito durante i suoi numerosi viaggi per il mondo. I temi più trattati sono:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.